sabato 5 febbraio 2011

Trofie

Vorrei ricominciare ma...
dopo un periodo troppo intenso che non mi permetteva di cucinare, sono entrata in una fase di sperimentazione ipercritica, che riguarda per lo più il lato dolce e panificatorio della mia cucina, in cui creo disfo e rifaccio, in maniera maniacale. Cucinare in mezzo a questo delirio può diventare un'impresa non facile, il forno è sempre impegnato... ogni sera aspetto il gong del cambio tariffa Enel come se fosse una liberazione. Se tardi dall'ufficio va tutto bene, ma se rientro presto mi si può trovare con la mano sulla manopola del forno e un occhio sull'orologio, scattano le 19:00 e iniziano le danze in un attimo la mia cucina si trasforma in un campo di battaglia ^_^
In mezzo a tutto questo delirio le trofie sono il mio ansiolitico, mentre aspetto di vedere se i muffin faranno la crepa perfetta, o se la PM lievita, mi dedico a loro, e trofia dopo trofia riesco pure a mettere insieme la cena :) con grande soddisfazione.


Adoro fare la pasta in casa, se butto il naso fuori dall'Emilia dove la pasta all'uovo è sacra, trovo tante ricette tradizionali, divertenti e buonissime, le trofie sono un amore recente, ho scoperto come farle in casa grazie al post dell'Orsa che Sferruzza, Annalisa ha pubblicato la ricetta delle Trofie più un utilissimo video sul come farle. Le mie non sono proprio esattamente come le sue :( ma non importa :D son buone e poi posso sempre migliorare!!!!
Dopo una discussione su Ravelry e una sfogliata veloce ai miei libri di cucina ho capito che le Trofie si fanno con la Farina '00', per cui io ho miscelato farina '0' a farina di semola -la solita sovversiva ;)-
Le mie ricette:
Trofia modello base
per 4 persone
(ma sono sufficienti anche per 6 se si mangia anche altro)
180 g di farina '0'
70 g di farina di Semola rimacinata
acqua
Impastare le farine con acqua e formare le Trofie seguendo le istruzioni che trovate nel blog dell'orsa. :) Non ci riuscite al primo colpo... evidentemente vi mancano i geni liguri! Nessun problema, con un po' di pazienza ci son riuscita io, la Cri (che a onor del vero ha imparato in tempi da record!) e i morosi.
Consiglio: Tenete un impasto morbido ma non umido, provate a formare le Trofie e al limite aggiungete un po' di farina.

Edit Knitting Bear mi ha ricordato di usare acqua quasi bollente, a forza di far Trofie mi sono dimenticata questo particolare, molto importante per rendere l'impasto più elastico ^_^

Trofie
pallina come un cecio, bigolo, Trofia arricciata con la mano di taglio!
(personalmente preferisco arricciarle con il mignolo, con il taglio della mano non mi vengono!)

Trofie for dummies
pallina come un cecio, bigolo, bigolo schiacciato al centro con due dita,
Trofia arricciata tenendo le due estremità tra il pollice e l'indice, e facendo roteare simultaneamente, la mano destra in senso orario e la sinistra in senso antiorario...
anche il contrario va bene ;) In realtà questa è proprio tutt'altra forma, ma è sicuramente utile per non scoraggiarvi all'inizio, diciamo che ha il suo perchè :D


Trofie con farina di Castagne
per 2 persone
75 g di farina '0'
75 g di farina di castagne
acqua
Non crescono in cottura per cui serve una dose maggiore di farina.
Stesso procedimento, ma l'impasto avrà una consistenza del tutto divetsa, ed è più facile da lavorare.

Sono buonissime! Mi piacciono specialmente condite una crema di carciofi e mandorle, che oltre ad essere un perfetto condimento per la pasta, è anche un ottimo modo per usare in maniera gustosa tutte le parti del carciofo. Dei carciofi ve ne parlo un altra volta, ma vi do la ricetta semplicissima della crema.
Crema di Carciofi
Usate i gambi e i fondi del carciofo, sopratutto i gambi le danno un sapore dolce che si abbina perfettamente con la farina di castagne.
2 gambi e 2 fondi di carciofo
1/2 scalogno (quello romagnolo)
circa una decina di mandorle
1 cucchiaio di Tahina
olio e.v.o.
sale
prezzemolo
Tritate lo scalogno e soffriggetelo in poco olio, aggiungete i carciofi puliti e tritati, poca acqua e lasciate cuocere fino a quando i carciofi non saranno morbidi.
Salate, frullate insieme alle mandorle fino ad ottenere una crema, se necessario aggiungete poca acqua. Aggiungete la Tahina e il prezzemolo.

5 commenti:

  1. Le hai fatte! Belle!
    Molto carina anche la foto con l'evoluzione della trofia e interessante la ricetta della crema di carciofi. L'unico consiglio che ti vorrei dare riguarda l'acqua usata per l'impasto, che dovrebbe essere quasi bollente per rendere l'impasto elastico e gommoso al punto giusto (fatto che permette di formarle facilmente).

    RispondiElimina
  2. Finalmente un nuovo contest! Farina, lievito e fantasia in collaborazione con Emile Henry ha organizzato uno straordinario contest “Frutta in pentola”, dove la protagonista indiscussa è proprio la frutta, sia fresca che secca. I premi? Beh ti invito a sbirciare nel blog, ti aspetto http://farinalievitoefantasia.blogspot.com/2011/02/contest-frutta-in-pentola.html

    RispondiElimina
  3. che bello questo tuo blog!sono entusiasta...l'ho scoperto per caso tramite l'asymmetrical cardi e mi sono messa a girovagare perdendomi fra una ricetta è un filato...a presto!!!!

    RispondiElimina
  4. @ Knitting bear fatte e rifatte :) son troppo buone! Inserisco subito l'aggiornamento con l'acqua calda... a forza di far trofie mi ero dimenticata!

    @ Sue mi sono impegnata :) questa pasta merita!

    @ Lilly grazie! ho messo insieme le mie passioni, prima o poi metterò anche i gomitoli in pentola ^_^

    RispondiElimina